"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

domenica 19 agosto 2012

P come Palar, P come Pistorius


Molta discussione e interesse ha provocato il post sul Palar, un tema e un luogo cui tanti (e soprattutto i dalessàns) sono legati.  Auspicando che il dibattito possa proseguire (ovviamente "cun creance  e sintiment"), siamo anche lieti di poter mantenere una promessa fatta tempo addietro, quando  addirittura "la Gazzetta dello Sport" aveva rivelato che tra i frequentatori del Palar c'era addirittura Oscar Pistorius.
Grazie alla disponibilità ed alla sensibilità della Gemonese Anna Pittini (che di Pistorius è l'interprete ufficiale, quando l'atleta soggiorna  in Friuli nell'ambito del progetto "Gemona città dello sport e del ben stare", sappiamo che

Il Palar è diventato per Oscar e per gli altri atleti del Sudafrica un posto dove rilassarsi in tranquillità. I più giovani non vedono l'ora di arrampicarsi fino su in cima, dove ci sono le briglie più alte, con Oscar rimaniamo ancora nei primi salti.
Adora l'acqua ghiacciata del torrente perché fa bene ai muscoli dopo l'allenamento sotto il sole. Ovviamente lui non si può tuffare, ma di certo nuota con piacere. Tutti loro sono affascinati dalla nostra natura, le montagne, e dall'acqua così pulita e cristallina. 
Oscar, come tutti, si toglie le scarpe e calzetti e attraversa i guadi, sale sulle sponde e si arrampica sulle rocce per poter trovare il punto più adatto dove sfilarsi le protesi e saltare in acqua.
Un ragazzo come tanti altri, senza pretese, che si gode ciò che di bello il nostro territorio può offrire!!!!



Ecco quindi, in una foto di Anna Pittini, Oscar Pistorius  nell'acqua del Palar, assieme ad altri due atleti sudafricani che sono Wayde Van Niekerk, al centro, atleta categoria juniores 200m, e Ruan Greyling, anche lui categoria juniores (quest'anno era a Barcellona per i campionati del mondo giovanili, 400m piani).

Grazie quindi ad Anna (e alla collaborazione di Vigj di Filosìn) per avere offerto l'occasione di  mostrare ai lettori del Blog  che gli "aficionados del Palar"  comprendono anche  Oscar Pistorius, un campione che tanto ha fatto parlare di sè, sotto il profilo sportivo e umano, anche alle recenti Olimpiadi di Londra.


16 commenti:


  1. P come Palar, P come Pistorius e P come Pistola, aggiungo io.
    "Un Pistorius diverso dall'eroe delle cronache sportive". Scrivono le prime testate giornalistiche. Nel nostro piccolo sarebbe troppo facile quasi banale, fare delle battute in merito al progetto "Gemona città dello sport e del ben stare". Evitiamolo e pensiamo a quella povera, giovane ragazza, anche molto bella, che purtroppo ora non c'è più. Anche lei, come il suo compagno normodotato, aveva il diritto di vivere la sua vita. Sisto

    RispondiElimina
  2. D'accordo, Sisto. Però, prima di andare a bonificare il Palar o a cancellare il murale all'incrocio di Gemona ... aspettiamo almeno di capire che cosa è successo. In dignitoso silenzio, senza eccessi o morbosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bonificare o a cancellare?? Anche stasera ti sei già fumato qualcosa di troppo. Juli

      Elimina
  3. Quando si dice essere facili profeti.... Sul MV di oggi si leggono le dichiarazioni del consigliere della Ln Barbara Zilli: "«La giunta Urbani, che sull’immagine ha tanto investito, deve provvedere immediatamente – e francamente mi chiedo come un tanto non sia ancora avvenuto a distanza di quasi una settimana dal fatto di sangue – a eliminare i simboli in città dell’atleta, primo su tutti l’effige sul murales, la gigantografia all’ingresso del palazzo comunale e i manifesti di tripudio nei campi sportivi». Perché passarci di fronte, con in mente i resoconti dei media, «fa venire il voltastomaco»."

    RispondiElimina
  4. Sul MV di oggi si legge anche altro in merito. Più che un facile profeta... direi che il blogger si è comportato da sovversivo istigatore. Un vero provocatore, pur senza alcuna ragione, che ha dato il via ad azioni sconsiderate. In passato per caso hai fatto parte dei black bloc? Juli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa poi .... francamente mancava. Sempre stato più gandhiano che movimentista. Ti svelo uno scoop, Juli: il Blogger è una delle poche persone in Italia che può dire di essere stata picchiata dai democristiani....

      Elimina
  5. Fatto di sangue... ebbene si, cosi possiamo definire il gesto folle e criminoso che ha compiuto Pistorius, gesto che penseranno le autorità giudiziare Sudafricane a giudicare e poi punire. Siamo troppo abituati ai processi mediatici che ormai tutti pensiamo di sapere e giudichiamo forse con troppa superficialità traendo le conclusioni ancor prima dei giudici.
    Che sia facile giudicare col senno di poi, beh questa è cosa risaputa, ora tutti parlano e sparlano e colgono l'occasione per attacchi anche politici, chi avrebbe potuto pernsare che l'atleta che conoscevamo, a cui ci si era affidati come immagine per lanciare un progetto sportivo potesse macchiarsi (?) di questo crimine? qualcuno lo avrebbe immaginato?
    chi non ha ammirato la tenacia di questo ragazzo che malgrado il suo handicap ha combattuto per il suo sogno e il suo ideale? Qualcuno lo sapeva prima che sarebbe andata a finire cosi?
    credo di no, il futuro per fortuna ci è ancora sconosciuto, nessuno puo sapere prima di come si possa reagire ad una determinata situazione( o presunta tale), cosa sia passato per la testa di Pistorius in quei momenti lo puo sapere solo lui, noi possiamo solo immaginarlo, possiamo, e io lo sono, essere rattristati per la giovane vita spezzata e per l'enorme peso che rovinera per sempre la vita di quello che comunque è stato un grande atleta.
    dalesan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dato che ti piace tanto immaginare, prova a farlo ancora una volta, pensando che il povero ragazzo come dici tu, con il suo handicap, si avvalga della difesa di un costoso gruppo di capaci legali. I migliori in circolazione? O.J. Simpson insegna. Si, prova ad immaginare l'enorme peso che rovinerà per sempre la vita.... di un grande atletà? Il suo sogno, il suo ideale? Penso ce l'avesse anche quella povera creatura, anche lei ha dovuto combattere e, ha dovuto subire tragicamente alle ire del grande atleta. Cosa sia passato per la testa della ragazza in quei momenti non ti interessa? Non fa notizia, non ti colpisce? Neanche un accurato osservatore e ben pensante come te? Come tu affermi - il futuro per fortuna ci è ancora sconosciuto - ma il presente no, quello lo abbiamo ben chiaro. Quindi, stiamo molto attenti a non giustificare il presente con il passato, anche se è quello di un grande personaggio. Silvia

      Elimina
  6. Il Blog condivide totalmente quanto affermato da "dalesan". Era questo anche il senso delle precedenti riflessioni, che poi hanno avuto la ventura di essere totalmente travisate...

    RispondiElimina
  7. Ma per favore, dipingete Pistorius come fosse stato un benefattore.
    E' stato pagato per far un po' di pubblicità a Gemona del Friuli ed è stato scelto un testimonial perchè luccicava senza andare oltre la superficie e verificare se ci fosse almeno un po' di...oro.
    Un'operazione di marketing mal riuscita e pagata a fior di quattrini (i nostri) e l'importazione di un campione con pessimi risultati.
    Fate attenzione a non pubblicizzare troppo Gemona città dello sport e del benstare, qualcuno potrebbe pensare che dopo essere transitati per Gemona e dintorni si può essere colti da un raptus omicida.
    Tanta roba per promuovere turismo e sport noir. In futuro i dintorni potrebbero diventare la location di un film sull'atleta salito alle stelle e caduto dopo aver inciampato in un grilletto.

    Allegria


    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma chi lo dipinge come benefattore, chi lo ha mai detto...
      Certo che è stato pagato per fare lo sponsor pensa che lo pagava persino la Nike, e non la possiamo considerare una piccola azienda sprovveduta, anche loro sono dei tontoloni che si sono fatti abbindolare dal luccichio?
      Cavolo cosa si dovrebbe fare, prima di affidarsi ad uno sposnsor, farsi fare il suo profilo psicologico da un criminologo? ma scherziamo? chi poteva immaginare una cosa del genere, solo quelli che con il senno di poi fanno i facili profeti...
      non giustifico, assolutamente, il gesto che ha commesso Pistorius, ci mancherebbe, se davvero colpevole come sembrerebbe va punito severamente, molto severamente, ma da qui ad incolpare di supperficialita chi gli aveva affidato un'operazione di marketing, beh questa è ridicola..
      dalesan....

      Elimina
  8. caro/a anonimo/a ma hai letto bene???? non mi pare di aver giustificato in nessun modo quello che ho chiamato gesto folle e criminoso.. vedete come è semplice e facile travisare e dare solo l'intepretazione che piu vogliamo far passare come vera?
    se questo lo fa solo per il piacere della discussione un semplice lettore del blog, immaginate come possano ricamare giornalisti dalla penna facile che ambiscono ai titoli a piu colonne sui giornali....
    dalesan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora leggi un pò tu, bene e attentamente. Rileggi tutta la considerazione e non soffermarti solamente ad una parola "giustificato", quella che più ti aggrada, giocando la carta del vittimismo. Fermati sul ragionamento e rifletti meglio. Troverai che hai soppesato il fatto con un giudizio si critico ma parziale e di parte. Non l'avevi capito? Silvia

      Elimina
    2. di parte..... aspettare il giudizio di un giudice o di una giuria non mi sembra cosa estremista, giudicare dagli articoli dei giornali forse si..
      dalesan

      Elimina
  9. Il marketing è l'arte di saper vendere e Nike sa fare bene il suo lavoro.
    Se tu prendi come riferimento quel marchio perchè ti fidi e per te un marchio "famoso" è ancora indice di "qualità" allora il tuo naso urterà parecchio contro i muri ideali o idilliaci che ti sei costruito.
    Buon risveglio,ti auguro di non farti tanto male.


    Allegria


    RispondiElimina
  10. non capisco la vostra polemica, premesso che il fatto criminoso è da tutti condannato, ora, cosa recriminate che gemona doveva sapere prima che pistorius sarebbe diventato un omicida? non capisco cosa polemizzate, voi forse avreste scelto qualcun'altro come testimonial sapendo grazie alle voste doti di preveggenza che quello che sembrava un atleta serio e per bene si sarebbe trasformato in un omicida?
    apritevi e dite veramente cosa vi rode senza girare le parole di altri..
    P.S. per allegria
    guarda che non ho piu ventanni da un bel po, il mio naso è molto ben collaudato e non crede nemmeno ai falsi perbenismi di quelli che dopo, ma solo dopo sapevano gia tutto..
    dalesan

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa attraverso il commento agli articoli è unicamente quella del suo autore, che conseguentemente si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione sul Blog Alesso e Dintorni del testo inviato. Grazie.